La corte del re di Napoli Ferrante I d'Aragona (1458-1494): tradizione e innovazioni
NAGIOS: RODERIC FUNCIONANDO

La corte del re di Napoli Ferrante I d'Aragona (1458-1494): tradizione e innovazioni

Repositori DSpace/Manakin

La corte del re di Napoli Ferrante I d'Aragona (1458-1494): tradizione e innovazioni

Mostra el registre complet de l'element

Visualització       (239.4Kb)

Exportar a Refworks
    
Russo, Enza
Aquest document és un/a article, creat/da en: 2015
In seguito alla conquista del regno di Napoli da parte di Alfonso il Magnanimo, la corte, stabilitasi nella capitale, mantenne la struttura ed il funzionamento previsti dalla tradizione aragonese codificata nelle ordinanze di Pietro il Cerimonioso. Sulla base di fonti documentarie recentemente venute alla luce e delle ultime acquisizioni storiografiche, il contributo pone in evidenza come Ferrante, erede del Magnanimo al trono napoletano, sebbene mantenne l'organizzazione palatina ereditata dal padre, per le sue tendenze accentratrici introdusse nell'amministrazione finanziaria centrale talune innovazioni funzionali, al fine di un più ampio controllo delle risorse e delle spese della corte, avvalendosi di uno stretto numero di collaboratori, strettamente legati alla sua familia.

    Russo, Enza 2015 La corte del re di Napoli Ferrante I d'Aragona (1458-1494): tradizione e innovazioni e-Spania. Revue interdisciplinaire d'études hispaniques 20 2 15
http://dx.doi.org/10.4000/e-spania.24273
distribuït sota llicència Creative Commons de Reconeixement-NoComercial 3.0 No adaptada

Aquest element apareix en la col·lecció o col·leccions següent(s)

Mostra el registre complet de l'element

Cerca a RODERIC

Cerca avançada

Visualitza

Estadístiques